Consigli per la scelta di un microfono facciale: guida e modelli

Se un microfono ad archetto o un microfono facciale contribuiscono a qualcosa, è la libertà di movimento. Lasciando le mani libere, sono i più adatti per spettacoli dal vivo, spettacoli teatrali, conferenze, narrazioni sportive, lezioni di ballo, animazioni di spettacoli, giochi, call center o per monitor da palestra (tipo zumba o spinning), tra le altre cose.

Comodità di un microfono facciale

Un microfono facciale oltre ad essere confortevole, offre una buona qualità del suono. Non sono molto sensibili ai rumori respiratori e hanno un audio molto naturale. Per il suo prezzo non devi nemmeno preoccuparti, dato che in commercio puoi trovare modelli a meno di 10 euro.

Un microfono facciale o ad archetto può essere di due tipi.
Con filo: offrono un’ottima qualità di ricezione della voce e sono molto discreti. Sono quelli che usano i musicisti, i monitor sportivi o se vuoi parlare sul tuo telefonino senza dover tenere il terminale.
Cordless: sono i più utili se devi essere in continuo movimento. Questi hanno bisogno di un trasmettitore e di un ricevitore, solitamente VHF, per poter trasmettere i suoni, allo stesso modo in cui avviene con la radio. Ci sono anche Bluetooth.

Qualunque sia il tipo che scegli, avrai il vantaggio che saranno sempre alla stessa distanza dalla tua bocca, indipendentemente da dove muovi la testa. L’unica cura che dovresti fare è non mettere il microfono facciale proprio davanti alla bocca, in quanto ciò potrebbe causare sibili che possono essere fastidiosi.

Cosa considerare quando si acquista un microfono facciale

Come scegliere un microfono facciale? Caratteristiche da valutare prima dell’acquisto:

  • usi che ne farai,
  • qualità del suono,
  • marchio.

La prima cosa che dovresti tenere in considerazione, a parte il budget, è l’uso che farai del microfono facciale per la maggior parte del tempo. Ad esempio, se si tratta di tenere una conferenza o parlare su Skype, uno cablato funzionerà, ma se si tratta di ballare e cantare allo stesso tempo, un microfono facciale con auricolare wireless è probabilmente meglio.

In questo caso, devi fare attenzione a non allontanarti dal ricevitore (scegli un modello con un ampio raggio di azione) e monitorare il livello di carica della batteria.

Se hai intenzione di muoverti molto, dovresti anche assicurarti che il microfono facciale si adatti bene alla tua testa in modo che non si sposti troppo. Dovrebbe essere leggero ed ergonomico. Ce ne sono anche di impermeabili, così eviti che il sudore lo rovini. A proposito, se la tua intenzione è parlare sul palco, ricorda che non puoi chiedere al pubblico che vuole partecipare di parlare attraverso il microfono facciale.

Quindi, nel caso, assicurati di portare sempre con te un microfono palmare aggiuntivo. Né puoi fuorviare la qualità del suono che un certo modello di microfono facciale ti offrirà. Opta per modelli che includano opzioni di riduzione del rumore. Quando è necessario registrare un audio di buona qualità, ad esempio per un video di YouTube, non sarebbe male acquistare anche un’interfaccia audio.

Marche migliori

Molte marche producono microfoni facciali, ma le più popolari sono Neumann, Rode, Behringer, Samson, Blue Microphones, Auna, Audio Technica, MXL, Neewer o Sennheiser. Uno dei migliori modelli che puoi trovare sul mercato è il Sennheiser. Il marchio Shure offre anche un’ampia gamma di microfoni wireless ad archetto.

Il vantaggio principale di un microfono facciale o ad archetto wireless è la libertà di movimento per i cantanti che devono spostarsi continuamente sul palco. Consente inoltre di realizzare presentazioni più comodamente senza dover tenere in mano un microfono palmare. In questo articolo analizzeremo i migliori microfoni ad archetto con i loro principali vantaggi per aiutarti a scegliere.

Cosa valutare prima di acquistare un microfono facciale?

Ecco alcuni consigli che dovresti tenere in considerazione quando acquisti il tuo dispositivo con una fascia ad archetto. Microfoni ad archetto per cantare, per teatro, presentazioni, conferenze, ecc. La prima cosa su cui dobbiamo essere chiari, come già accennato, è l’uso che vogliamo dare al dispositivo. Ma ancora prima devo sapere quanti soldi sono disposto a spendere.

Quali specifiche soddisfano meglio le mie esigenze quando acquisto un dispositivo? Una volta chiariti i tuoi dubbi aiutandoti anche leggendo pagine specializzate, puoi acquistare nei negozi online. Un’opzione consigliata è valutare quanto si può spendere e scegliere un microfono facciale che abbia un buon rapporto qualità prezzo, rispetto ad altri modelli di microfoni con caratteristiche simili.

Cuffie e microfono per chi ci lavora

Molti di noi lavorano con un microfono facciale e le cuffie semplicemente non solo per ascoltare musica e astrarsi dall’ambiente, ma per ricevere ed effettuare chiamate frequenti. Ed è che, sebbene sulla carta alcune cuffie con microfono integrato ci servano, la realtà è che se passiamo otto ore a lavorare, delle cuffie specifiche con microfono per lavorare ci aiuteranno molto di più.

Che tu debba lavorare in ufficio o a casa, nella nostra guida all’acquisto di un microfono facciale troverai cosa tenere in considerazione nella scelta di un modello e di una selezione di cuffie microfonate. Scegliere una cuffia con microfono per il lavoro: cosa considerare?

Supponendo che sia essenziale che l’auricolare trasmetta il suono e il microfono lo catturi con la massima qualità possibile, il palco e le esigenze sono diverse, ad esempio, dai microfoni per la registrazione dei podcasting o dalle cuffie Hi-Fi. Tuttavia, ci sono altri fattori da considerare, come la qualità costruttiva e il design.

Per quanto ci piaccia la musica e passiamo ore a godercela attraverso le cuffie, è difficile per chiunque trascorrere otto ore con loro, a meno che non ci lavori.

In questo senso, se il nostro utilizzo sarà intensivo, la prima cosa che dobbiamo richiedere a una cuffia con microfono facciale per funzionare bene è che abbia una costruzione e materiali di qualità, in modo da supportare l’uso e la manipolazione continui.

Quale scegliere? A prescindere dal design che ci piace di più, quello che per noi è più comodo, tenuto conto del suo sistema di aggancio (se presente) e della capacità di isolare l’ambiente. Sebbene troviamo design di cuffie con microfono molto diversi, possiamo includerli in quattro tipi: in ear, auricolari o pulsanti, sovraurali e circumaurali.

Ex tecnico hardware e software con studi di ingegneria informatica alle spalle, mi dedico da tempo alla scrittura on-line e sono in procinto di iscrivermi all’Ordine dei Giornalisti. Ho qualche anno di esperienza in diversi settori, ma la tecnologia e l’elettronica sono quelli che preferisco. Mi piace seguire l’evolversi di invenzioni e tenermi aggiornato sull’uscita di nuovi prodotti sul mercato.

Back to top
menu
guidamicrofoniecuffie.it