Guida all’acquisto dei microfoni ipercardioidi: consigli per la scelta e modelli migliori

Per scegliere consapevolmente microfoni ipercardioidi ottimali per le tue esigenze, è meglio imparare cos’è un microfono, quali sono i suoi tipi e quali soluzioni tecniche sono preferite per i diversi compiti. Ad esempio, per la registrazione domestica. Perché scegliendo i microfoni ipercardioidi per compiti specifici otterremo un effetto sonoro migliore, che si tratti di una registrazione o di un’esibizione a un concerto.

Cos’è un microfono

Un microfono è solitamente il primo componente di un percorso audio, sia in studio che sul palco. È un tipo di trasduttore, un dispositivo che trasforma l’energia da una forma all’altra. I microfoni ipercardioidi convertono l’energia acustica (onde sonore) in elettricità (segnale audio analogico). Diversi tipi di microfoni ipercardioidi e non si basano su modi diversi di trasformare l’energia, ma hanno tutti una cosa in comune: il diaframma.

È un sottile pezzo di materiale come un foglio, carta, piastra metallica, che vibra quando le onde sonore lo colpiscono. Quando il diaframma vibra, trasmette la vibrazione agli elementi del microfono che convertono l’energia meccanica in energia elettrica. Nel microfono, le vibrazioni vengono convertite in una corrente elettrica che diventa un segnale audio.

La disposizione del diaframma bobina-magnete nel caso di un microfono dinamico e il condensatore in un microfono a condensatore, è indicata come cartuccia microfonica o capsula microfonica.

Tipi di microfoni.
Esistono molti tipi diversi di microfoni ipercardioidi e non. Si può presumere che ci siano due divisioni principali dei tipi di microfono:

  • grazie al metodo di conversione di un’onda acustica in un’onda elettrica (dinamica, capacitiva),
  • per le caratteristiche direzionali (omnidirezionale, cardioide, subcarioide, supercardioide, ipercardioide, figura otto, fucile ecc.).

Inoltre, i microfoni possono essere assegnati a diversi gruppi:

  • a causa delle dimensioni della membrana (membrana grande, membrana piccola),
  • a causa del tipo di applicazione e dello scopo di acquisire varie fonti.

All’inizio però vale la pena conoscere i parametri dei microfoni ipercardioidi e le caratteristiche che saranno importanti per noi durante la registrazione.

Livello del segnale del microfono

La tensione elettrica generata dal microfono è molto piccola. Il segnale denominato livello del microfono viene solitamente misurato in millivolt. Prima che possa essere utilizzato per qualcosa di serio, il segnale deve essere amplificato. Per il corretto funzionamento del microfono, è necessario un preamplificatore microfonico, comunemente indicato come preamplificatore.

Sebbene i microfoni a condensatore abbiano preamplificatori incorporati che aumentano il livello del segnale e l’impedenza del segnale, abbiamo comunque bisogno di un preamplificatore microfonico.

È un dispositivo essenziale nel nostro studio e sul palco. I preamplificatori microfonici vengono utilizzati nelle schede audio, nelle interfacce audio e nei mixer. Esistono anche dispositivi separati sotto forma di moduli esterni. Preamplificatori microfonici e processori del suono, solitamente costosi e che offrono un’elaborazione di alta qualità.

La sensibilità dei microfoni ipercardioidi

I microfoni ipercardioidi sono caratterizzati da una diversa sensibilità, ovvero una predisposizione naturale all’elaborazione dei valori di pressione acustica. Di solito, i microfoni dinamici hanno una sensibilità inferiore e quindi richiedono un guadagno maggiore nel preamplificatore per ottenere un livello di segnale utile per la registrazione.

Ricorda che in un microfono dinamico, il sistema del diaframma con la bobina mobile che trasmette le vibrazioni è solitamente più pesante di un diaframma sottile e metallico di un microfono a condensatore. In generale, anche a causa del maggior peso ed inerzia del diaframma, un microfono dinamico è un po’ meno sensibile ai segnali a bassa energia, soprattutto a quelli lontanissimi dal microfono. È una dipendenza fisica.

Per muovere il diaframma di un microfono dinamico è necessaria un po’ più di energia dell’onda sonora.

La sensibilità dei microfoni è data a 1 kHz (1000 Hz) in due unità alternative. Il primo è mV / Pa, millivolt per 1 Pascal, che è la tensione generata dalla pressione di 1 Pascal che cade sulla membrana. La seconda unità data in valori negativi – dBV / Pa – è una misura di riferimento, per il valore di 0 dBV che significa una tensione di 1 V. L’unità determina di quanto inferiore a 1 V la tensione viene generata dal microfono quando la pressione è di 1 Pascal. Ricorda che i decibel hanno una scala logaritmica. La sensibilità del microfono dinamico non molto sensibile e più popolare al mondo è rispettivamente di 1,60 mV / Pa e -54,50 dBV / Pa.

Per confronto, la sensibilità di uno dei microfoni a condensatore da palco più apprezzati è rispettivamente di 4,5 mV / Pa ± 1 dB e -47 dBV / Pa. La differenza tra -54,50 dBV / Pa e -47 dBV / Pa mostra che per ottenere lo stesso livello di segnale elettricamente uguale nel mixer, nell’interfaccia audio o nella registrazione, il microfono deve essere impostato 7,5 dB più alto del livello di guadagno nel preamplificatore.

La risposta in frequenza del microfono

Determina la capacità di trasportare diverse gamme di frequenza. Viene mostrato come un diagramma sull’asse XY, dove X è la frequenza e Y è il livello di riferimento in decibel (dB). Se la risposta in frequenza è rappresentata da una linea retta, significa che il microfono non favorisce nessuna gamma di frequenze e le trasmette tutte in modo uniforme.

Quando il grafico si presenta con una curva di linea, allora nelle gamme di frequenza con un livello più alto il microfono sente meglio queste gamme e trasferisce più efficacemente i dati di frequenza, mentre dove la linea caratteristica di frequenza scende, il microfono sposta la frequenza alla gamma più silenziosa, meno efficiente.

Potrebbe sembrare che il microfono ideale sia uno con una risposta in frequenza assolutamente piatta.

In pratica, risulta che i microfoni con caratteristiche irregolari sono spesso più adatti. Perché, ad esempio, enfatizzano la leggibilità del parlato, cioè del testo nel canto, grazie all’aumento della larghezza di banda tra 2,5 kHz e 4 kHz. Un parametro importante che definisce la risposta in frequenza di un microfono è la tolleranza più / meno (+/-), che determina la gamma di decibel entro la gamma completa della risposta in frequenza.

Quindi, quanto più e meno un dato microfono ha deviazioni in termini di efficacia e in termini di lavoro. Un valore di +/- 3 dB significa che le deviazioni massime verso il basso e verso l’alto sono 3 dB. La frequenza di 1 kHz (1000 Hz) è stata assunta come punto di riferimento per misurare l’aumento e la diminuzione dell’efficienza del microfono.

Risposta in frequenza ampia nei microfoni ipercardioidi

I microfoni ipercardioidi offrono spesso una risposta in frequenza molto ampia, tipicamente da 20 Hz a 20 kHz. La gamma utilizzabile della banda vocale di solito parte da 100 – 150 Hz. Di seguito abbiamo esplosioni d’aria indesiderate da sillabe esplosive (“p”, “b”, “t”, “k”, “q”) che generano il cosiddetto effetto pop (caratteristico sbuffo). Uno dei modi per ridurlo è usare un filtro low-cut.

Spesso in un microfono a condensatore meglio equipaggiato troviamo un tale filtro. Se non esiste un filtro di questo tipo, di solito lo abbiamo nel mixer, meno spesso nell’interfaccia audio.

Come ultima risorsa, abbiamo bisogno di utilizzare un filtro low-cut nel programma di registrazione DAW. I filtri sono determinati dalla frequenza di base in Hertz (ad esempio 120 Hz) e dal parametro della pendenza – questo valore è dato in decibel per ottava (ottava = raddoppio della frequenza). Ciò significa che il filtro garantisce che il decibel sia un’ottava al di sotto della frequenza di base del filtro. A seconda dell’ordine del filtro, abbiamo un calo di 6 dB / ottava, 12 dB / ottava, 18 dB / ottava o 24 dB / ottava. Per un filtro da 12 dB / ottava a 120 Hz, la frequenza di 60 Hz sarà ridotta di 12 dB.

Ex tecnico hardware e software con studi di ingegneria informatica alle spalle, mi dedico da tempo alla scrittura on-line e sono in procinto di iscrivermi all’Ordine dei Giornalisti. Ho qualche anno di esperienza in diversi settori, ma la tecnologia e l’elettronica sono quelli che preferisco. Mi piace seguire l’evolversi di invenzioni e tenermi aggiornato sull’uscita di nuovi prodotti sul mercato.

Back to top
menu
guidamicrofoniecuffie.it