Quanto costano i microfoni: guida alle tipologie e alle fasce di prezzo

Ci sono situazioni in cui abbiamo urgentemente bisogno di un microfono adatto per il nostro computer. Come di consueto nel caso delle apparecchiature, i singoli modelli di microfoni possono differire nel prezzo da diverse decine a diverse migliaia di euro, principalmente a causa della qualità del suono. Di seguito vi proporremo quali microfoni a seconda del budget esistono, come scegliere saggiamente un microfono, cosa considerare quando si decide. Inoltre vedremo le caratteristiche dei microfoni suddivisi per fasce di prezzo e quali sono i migliori microfoni per professionisti.

I microfoni oggi: criteri di scelta

Attualmente, il microfono del computer non è più un semplice strumento mono funzione, utilizzato solo per la comunicazione tramite applicazioni come Skype, ma può anche essere utilizzato per registrare materiali ed elaborarli, o per comunicare con altri giocatori in giochi multiplayer ed e-sport. Per questo motivo, dovremmo garantire la massima qualità audio possibile, che è disponibile, ovviamente, confrontando le nostre preferenze con le dimensioni del portafoglio.

Come scegliere un buon microfono?
Prima di tutto, quando si sceglie un microfono, se deve essere un microfono per PC o un microfono per laptop, è molto importante che sia collegato con una presa USB, perché tale soluzione garantisce che abbia una scheda audio incorporata. I computer, che di solito sono dotati solo di schede audio integrate, offrono una qualità audio che lascia molto a desiderare.

Se vogliamo evitare il rumore e non spendere soldi extra per vari tipi di trasduttori e una scheda audio aggiuntiva, la scelta migliore è quella di acquistare un microfono con una connessione USB.

Questo dovrebbe essere il criterio principale nella decisione dell’attrezzatura giusta per noi. Inoltre, vale anche la pena prestare attenzione al fatto che il microfono sia cardioide, ossia raccolga il suono in una direzione, grazie alla quale è possibile evitare vari tipi di rumore e altre imperfezioni. È anche importante, ovviamente, se non vuoi esporti a spese inutili, scegliere un microfono a condensatore, non dinamico, perché offre una qualità audio molto migliore e una maggiore durata.

I migliori microfoni economici

Se abbiamo un auricolare e vogliamo solo comunicare con i nostri amici durante i giochi o di tanto in tanto usando Skype, in realtà acquistare un microfono separato non ha molto senso in questo caso. A un prezzo basso otterremmo un oggetto di base e per sentire la differenza bisognerebbe esporsi a maggiori spese. Tuttavia, se volessimo acquistare un microfono esterno economico, proponiamo di seguito le caratteristiche e i prezzi medi.

Alcuni microfoni economici sono caratterizzati da un design interessante e hanno un sistema di soppressione del rumore.

Grazie a questo, sono adatti agli utenti meno esigenti. Inoltre, con l’adattatore possono essere collegati non solo al mini-jack, ma anche tramite USB. Questi microfoni per PC possono essere acquistati per meno di cento euro e la qualità audio sarà davvero buona.

Un esempio di un microfono economico che è ragionevolmente buono avrà però l’aspetto negativo del rumore che sarà evidente, anche se dovrebbe essere sufficiente per applicazioni semplici. Il vantaggio principale è il prezzo basso. Devi sapere che alcuni modelli si collegano al cavo delle cuffie e hanno un prezzo estremamente basso, poiché con un massimo di trenta euro offrono una qualità audio davvero buona.

Microfoni per utenti esigenti

Quando si tratta di microfoni per utenti più esigenti, di seguito sono riportati alcuni suggerimenti che sono apprezzati e scelti volentieri da persone che richiedono microfoni di fascia media. Un buon microfono a condensatore costa almeno 600 euro, ma vale appieno ogni euro, perché non solo è fatto di componenti resistenti che ne garantiscono la longevità, ma è tutto in metallo.

È enorme e massiccio e il suono che registriamo con esso può essere regolato in molti modi. Inoltre è impossibile non notare che è quasi perfettamente pulito. Non c’è da stupirsi che così tanti YouTuber acquistino questi modelli di microfono. Nel caso di un microfono a condensatore, la marca è molto importante, perché sebbene costi un po’ di più rispetto ai modelli base, di media 400 euro, offre una qualità audio molto migliore rispetto alla versione più elementare.

Questi microfoni possono essere utilizzati con successo anche per registrare la voce, perché hanno una grande qualità.

Tra gli articoli di fascia media che costano meno, bisogna spendere circa 200 euro per ottenere microfoni apprezzabili, con una qualità di registrazione eccellente. Questi microfoni a condensatore dal prezzo inferiore funzionano bene con PC e laptop e hanno una delle migliori riduzioni di rumore. Il suono registrato con essi non ha nemmeno bisogno di essere modificato.

Il sistema True Diversity

Un microfono cablato di buona qualità spesso costa molte volte meno di un microfono wireless. Si consigliano microfoni cablati per la voce, così come ovunque l’apparecchiatura sia installata in modo permanente o in situazioni eccezionali cambia la sua posizione e la limitazione causata dal cavo del microfono non è un problema. L’offerta degli store comprende microfoni con il sistema True Diversity.

Si tratta di un sistema di antenne differenziali che, utilizzando due pezzi per canale, garantiscono la massima portata e il minor livello di rumore possibile.

Con la soluzione True Diversity di due ricevitori per ogni canale, il sistema seleziona automaticamente il segnale più forte di un particolare ricevitore per un canale specifico. Attualmente è il più efficace e praticato in quasi tutti i modelli di punta dei principali produttori di microfoni al mondo. I prezzi di questi microfoni di fascia alta partono da 600 e superano i 1.000 euro con una media di 1.500 euro per articoli di base.

Si tratta comunque sempre di un livello base professionale, per cantanti, musicisti o amatori molto esigenti. Il sistema True Diversity è una tecnologia avanzata in cui un processore intelligente controlla il livello del segnale per uno specifico ricevitore di un dato canale durante il funzionamento. Quando il processore rileva che il segnale del ricevitore A per un canale è più debole del segnale del ricevitore B, commuterà immediatamente e impercettibilmente i ricevitori per massimizzare la qualità del suono e la portata per il canale corrispondente.

Ex tecnico hardware e software con studi di ingegneria informatica alle spalle, mi dedico da tempo alla scrittura on-line e sono in procinto di iscrivermi all’Ordine dei Giornalisti. Ho qualche anno di esperienza in diversi settori, ma la tecnologia e l’elettronica sono quelli che preferisco. Mi piace seguire l’evolversi di invenzioni e tenermi aggiornato sull’uscita di nuovi prodotti sul mercato.

Back to top
menu
guidamicrofoniecuffie.it